Pubblicazioni Raoul Paciaroni

Attività recenti

Novità ed uscite editoriali di Raoul Paciaroni

Qua sotto una selezione di pubblicazioni di Raoul Paciaroni, in ordine cronologico a partire dalle più recenti. L'intero elenco delle pubblicazioni è disponibile nella sezione Pubblicazioni di Raoul Paciaroni.

PRIMA RISTAMPA: Una lunga scia di sangue. La guerra e le sue vittime nel Sanseverinate (1943-1944)

una lunga scia di sangueDopo oltre mille download della versione digitale e le prime 300 copie andate a ruba in poche settimane, dal 30 settembre 2017 è disponibile, nelle librerie settempedane e online, la prima ristampa di Una lunga scia di sangue. La guerra e le sue vittime nel Sanseverinate (1943-1944). Uno studio scientifico, un'importante opera monografica frutto di oltre un lustro di lavoro di ricerca sugli eventi, sulle vittime e sull'eredità della Resistenza settempedana. Una lettura storica definitiva del passaggio della guerra a Sanseverino, dall'8 settembre 1943 al primo luglio 1944, a settant'anni dalla Liberazione della Città.
Il volume, edito da Hexagon Editore con il patrocinio dell'Università di Macerata, riporta in oltre trecento pagine illustrate documenti inediti corredati da un'iconografia composta perlopiù da fotografie d'epoca mai pubblicate.
Informazioni e ulteriori notizie su unalungasciadisangue.it

La medaglia per la visita di Papa Giovanni Paolo II a Sanseverino

papa sanseverinoQuesto libro di Raoul Paciaroni, voluto dal Circolo Filatelico e Numismatico di Sanseverino Marche nel 2017, vuole celebrare il 25° anniversario della visita pastorale a Sanseverino del Santo Padre Giovanni Paolo II attraverso due canali: il ricordo dell'evento tramite l’illustrazione di una bella medaglia che venne coniata per quella felice circostanza e la riproposizione di un articolo del tempo di D. Quinto Domizi (1922-2012). Informazioni e download del libretto nella sezione download delle pubblicazioni di Raoul Paciaroni e un'introduzione al testo nella pagina dedicata al libretto.

Fontebella: storia e leggenda

fontebella sanseverinoIn questo nuovo saggio di Raoul Paciaroni si va alla ricerca di una novella caratteristica del territorio settempedano, nota come la leggenda della Bella o la leggenda della Rondine, da cui il poeta Rutilio Rotelli prese ispirazione per tessere un delicato componimento poetico. Si tratta di una storia appassionatamente dolce e infinitamente triste che avrebbe dato il nome ad una fontana esistente nel circondario di San Severino, smentita però dai documenti che l’autore ha raccolto con certosina pazienza ed illustrato in un ampio commento critico.
Una piccola recensione a questo libretto, finito di stampare nel mese di aprile 2017 dalle Edizioni Hexagon per il Comune di San Severino Marche, nella pagina dedicata a Fontebella: Leggenda e storia. Nell'area download delle pubblicazioni di Raoul Paciaroni è disponibile il file pdf del volumetto.

Taccoli e la sua chiesa. Cenni storici

taccoli e la sua chiesaOgni paese, grande o piccolo che sia, ha una storia, per alcuni fatta di eventi importanti, e per altri di minime cose. Nel loro insieme però formano quel complesso di rilevante significato, indispensabile allo studioso che voglia giungere alla completa conoscenza di un territorio. Taccoli fa parte di quei borghi per i quali la storia civile non tramanda niente di memorabile né può vantare una dimora gentilizia, un’opera d’arte rilevante, un panorama che allarghi il cuore, l’onore di aver dato i natali a quale illustre personaggio. Il passato è tutto raccolto in quelle poche case raggruppate nell’avvallamento di due colli, forse costruite da gente che non aveva avuto altro luogo da scegliere per vivere la propria dura esistenza di fatica.
Da qui la scelta di Raoul Paciaroni di intraprendere una ricerca sulla chiesa di Taccoli, che lo ha visto nascere e crescere, e di dedicare questa 15ma pubblicazione della collana "Ars Sacra Septempedana" alla madre Adorna nell'occasione del suo 90° compleanno.
Una piccola recensione a questo libretto, finito di stampare nel mese di agosto 2016 per la collana "Ars Sacra Septempedana", nella pagina dedicata a Taccoli e la sua chiesa. Cenni storici. Nell'area download delle pubblicazioni di Raoul Paciaroni è disponibile il file pdf del volumetto.

Braccio da Montone all'assedio di Sanseverino

braccio da montone assedio sanseverinoTra Camerino e Sanseverino non è mai corso buon sangue, soprattutto per colpa del sempre conteso Castello di Gagliole, posto al confine tra i due territori.
Berardo da Varano, Signore di Camerino, decise nel 1416 che era giunto il momento di porre fine a quella lunga contesa e chiese aiuto al comandante di ventura Braccio Fortebracci da Montone, da poco rientrato in possesso di Perugia, che il 9 agosto si presentò con 10.000 armati, camerti compresi, sotto le possenti mura settempedane per dare assedio alla città.
Una breve recensione di questo piccolo studio storico, che racconta le vicende di quell'assedio e le sue conseguenze, pubblicato - come ogni anno dal 2002 - per le celebrazioni 2016 del Patrono San Severino dall'Associazione Palio dei Castelli, è disponibile nella pagina Braccio da Montone all'assedio di Sanseverino. Nell'area download delle pubblicazioni di Raoul Paciaroni è disponibile il file pdf del libro.

I mazzamurelli a Sanseverino e altrove nelle Marche

mazzamurelli nelle marcheNella consueta pubblicazione natalizia, come da oltre trent'anni a questa parte, Raoul Paciaroni indaga elementi della storia e della tradizione di Sanseverino Marche.
In questo libretto che chiude il 2015 si narra una suggestiva storia di infestazione di spiriti, popolarmente conosciuti come "mazzamurelli", accaduta nel 1937 in una casa di contadini lungo la strada che unisce Sanseverino a Tolentino; casa ancora oggi additata come "Casa degli spiriti". Paciaroni ha raccolto ulteriori notizie e testimonianze, intervistato i testimoni di quegli eventi di Poltergeist tanto singolari quanto misteriosi ed inspiegabili, allargando anche lo sguardo a casi analoghi o in misura simile paranormali nelle Marche.
Nell'area download delle pubblicazioni di Paciaroni è disponibile il file in formato pdf del libro.

Iscrizioni medievali di Sanseverino

iscrizioni medievali sanseverinoPer i festeggiamenti 2015 del Patrono San Severino, l'Associazione Palio dei Castelli di Sanseverino ha pubblicato il 14mo numero degli studi annuali sul medioevo settempedano che affida fin dal 2002 a Raoul Paciaroni.
In Iscrizioni medievali di Sanseverino rivolge un invito a guardarsi intorno ed a soffermare l’attenzione su segni ed indizi che troppo spesso sono stati oggetto di sguardi distratti e disinteressati e che invece sono patrimonio di tutta la cultura locale: le iscrizioni incise su supporto lapideo di Sanseverino, patrimonio di cultura e di storia meritevole di essere scoperto ed apprezzato. Di ogni iscrizione si fornisce una riproduzione fotografica ed una scheda descrittiva con l’ubicazione, la trascrizione del testo in caratteri maiuscoli, la traduzione in italiano e la spiegazione del contenuto informativo.
Nell'area download delle pubblicazioni potrete scaricare il file pdf del volume.

La Resistenza sanseverinate nelle medaglie

resistenza sanseverinate medaglieIn occasione del 70° anniversario della Liberazione nazionale, lo storico settempedano Raoul Paciaroni e suo figlio Lorenzo Paciaroni hanno pubblicato un breve saggio per riunire le coniazioni medaglistiche di interesse sanseverinate che, nel corso degli anni, hanno celebrato avvenimenti o commemorato personaggi della Resistenza e della Guerra di Liberazione.
Quest'agile volumetto, edito dal Circolo Filatelico e Numismatico di Sanseverino e prodotto da Hexagon Group, è rivolto principalmente ai raccoglitori di medaglie, ma pensato per stimolare l'interesse di tutti i cittadini ripercorrendo cronologicamente i tragici eventi e gli episodi salienti che vanno dall'8 Settembre 1943 al 1° Luglio dell'anno successivo. Alla sintesi di quei dieci mesi di guerra, breve e di facile lettura quanto storicamente rigorosa, si aggiunge un piccolo apparato di valenza collezionistica con l'esame di quattro medaglie coniate negli ultimi settant'anni e due annulli postali speciali.
Informazioni e download nel sito Una lunga scia di sangue.

Sanseverino Ventosa

sanseverino ventosaUn antico blasone popolare, ancora oggi molto noto, così definisce questo rapporto: “San Sivirì d'argento o piòe, o sona a mórto, o tira vénto”. Ma forse sono stati sempre un po' esagerati gli abitanti dei paesi vicini nell'appioppare questo motto satirico alla bella cittadina del maceratese visto che essa non si differenzia molto dagli altri centri della regione per il numero delle giornate piovose o dei funerali celebrati. C'è, invece, un fondo di verità nel caratterizzare Sanseverino Marche come cittadina ventosa perché, in realtà, questo fenomeno atmosferico è qui più intenso e frequente che altrove. L'opera del 2014 di Paciaroni è dedicata alla più enigmatica tra le forze della natura, inquadrata da un punto di vista storico, a partire da notizie di forti venti e documenti, conservati negli annali municipali e soprattutto nelle carte degli archivi, che nel corso dei secoli hanno interessato il territorio sanseverinate.
Nell'area download disponibile il file pdf del volume.